Intervista a Guido Porcellini, medico plurimedagliato

Il medico plurimedagliato (Lug. 2023)

| Lug 3, 2023 |

Dott Porcellini, come nasce la sua fama di medico dei campioni?

“La mia partenza è stata nel 1994/95 con il grandissimo Prof. Roberto Dall’Aglio, neuro-endocrinologo di Parma che era uno dei massimi esperti mondiali di Integrazione con l’alimentazione, ma soprattutto del rapporto fra intestino e carello dei neuro mediatori. cosa di cui si fa un gran parlare adesso ma per noi era cosa normale già allora. Noi lavoravamo con l’ozono terapia ed il metodo Di Bella, prima che fosse divulgato. Seguendo la fisiologia e non le case farmaceutiche, nel senso che per noi faceva bene quello che faceva bene, l’importante era trovare una soluzione.”

Ma la sua specializzazione esatta qual è?

“Io sono medico chirurgo con 6 anni di specialità oncologica. Quando al sesto anno ero pronto per dare l’esame di specialità, non me la sono sentita: per me quel gesto voleva dire uniformarmi a tutto quello che lì dentro avevo visto e che non mi andava affatto bene. Ho avuto un senso di rabbia, mi sono detto “io non voglio il vostro certificato” e non sono diventato un oncologo. Però è come se lo fossi perché ho fatto tutto quello si poteva fare in quel reparto, aggiungendo fra l’altro due protocolli: uno di sostengno e uno di detossificazione da chemio senza l’uso di farmaci che, per come é organizzata l’oncologia, equivale a dire che tu sei un eretico, un anarchico, un matto. Lì però ho avuto la fortuna di incontrare un professore che si chiama Stefano Caacinu. che è il re degli oncologi Italiani, di un’intelligenza superiore, dotato di spiccata capacità di vedere oltre (è stato il primo ad inserire il glutatione nelle chemioterapie).”

Passiamo ad un altro aspetto della sua carriera: è stato il medico e nutrizionista di grandi campione dello sport come Federica Pellegrini, Filippo Magnini, Tania Cagnotto, la Mens Sana Siena di basket e moltri altri. I titoli vinti non si contano.

“Nel mio curriculum ci sono circa 120 medaglie solo agli europei di nuoto, 10/12 mondiali di nuoto, grandi performance ad esempio con Korotykin, quello che è arrivato secondo alle Olimpiadi di Londra dietro all’imbattibile Phelps o con Magnini che è di Pesaro come me. Questo è noto a tutti. Però quello che più mi ha inorgoglito sono stati 14 Mondiali vinti nel Pattinaggio Artistico, i 2 Mondiali nella Danza Sportiva che, ricordatevi, dopo il calcio è la seconda Federazione al Mondo come numero di iscritti! Io vengo dal dal rugby, dalla Coppa Italia del 2001 e anche qui devo dire grazie al Prof. Dall’Aglio che facendo il neuro-endocrinologo applicava la detossificazione degli atleti che stupidamente si dopavano. Quindi lo ho fatto il percorso al contrarlo: il doping lo conosco benissimo ma ho sempre fatto di tutto per tirare fuori la gente da lì. Mi dispiace ma non uso farmaci.

Intervista a Guido Porcellini, medico plurimedagliato
Intervista a Guido Porcellini, medico plurimedagliato, Inchiostro Luglio 2023
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Share This